Agenzie di rating, condannate dalla Corte dei Conti

di Paolo Valori Commenta

Questo è quello che la prestigiosa testata britannica, il  Financial Times, riporta in un articolo secondo cui nell’atto di citazione che Standard & Poor ha riferito di aver ricevuto i magistrati contabili avrebbero sottolineato l’errore fatto dalle agenzie nel non tenere conto dell'”alto valore del patrimonio storico, culturale e artistico del nostro paese che universalmente riconosciuto rappresenta la base della sua forza economica”.

Fitch declassa il rating delle riserve valutarie argentine

Ma maggiori dettagli saranno dati dalla Corte il prossimo 19 febbraio. Stando al Financial Times il downgrade italiano avrebbe causato la caduta del governo Berlusconi costringendo il successivo governo Monti a misure di emergenza. La decisione della Corte rispecchia la paura, estesa tra i politici europei, sul ruolo avuto dalle agenzie di rating nella crisi dei mercati che minaccia l’eurozona. La paura di declassamenti, in paesi come Italia e Spagna, ha infatti portato a vendite di debito pubblico, a costi più alti con effetti devastanti per le finanze pubbliche. Ricordiamo che queste agenzie si occupano di valutare la solvibilità di un Paese.

Standard & Poor’s declassa il rating dello shekel

Non è la prima volta, per le agenzie di rating in quanto anche il governo americano ha citato S&P per 5 miliardi di dollari, accusando l’agenzia di aver gonfiato in modo fraudolento le valutazioni sulle obbligazioni. In Italia, l’anno scorso il pm di Trani Michele Ruggiero ha chiesto il rinvio a giudizio di nove persone tra dirigenti e funzionari di S&P e di Fitch per manipolazione del mercato continuata e pluriaggravata.