Tipologie di analisi a supporto delle decisioni operative

di Francesco Giocondo Commenta

spotL’analisi utilizzata per gli investimenti di breve-medio periodo, o meglio per il trading on-line sulle valute è quella tecnica: resistenze, supporti, volumi, trend-line, canali, oscillatori, indicatori e via dicendo. È comunque necessario ed indispensabile avere una conoscenza precisa del Mercato che si intende trattare, per comprendere le dinamiche che muovono i prezzi, le terminologie tecniche, nonché l’apertura e la chiusura dei mercati oltre che i processi tecnici che regolamentano le quotazioni.
Partendo dai cenni storici e quindi dalla nascita del mercato stesso, fino ad arrivare a comprendere la situazione dei paesi interessati, si avrà un quadro generale nel quale muoversi con acquisti e vendite ragionate e motivate. Fondamentale è dunque sapere bene in che fase si trova l’economia di un paese, studiando i relativi tassi di interesse e sviluppi.
I prezzi sono mossi dalla legge della domanda e dell’offerta e dalle aspettative degli operatori che derivano anche in parte dalle notizie macroeconomiche che vengono diffuse. È bene quindi partire da “lontano” analizzando una situazione fino ad arrivare poi nel “piccolo” per effettuare le compravendite in base alle informazioni che abbiamo e alla nostra metodologia di trading.
In sostanza, anche per gli analisti tecnici è importante il contesto del mercato in quel preciso momento.
Esiste poi la possibilità di eseguire vere e proprie speculazioni sulle notizie importanti al momento della loro emissione, “cavalcando” il movimento violento (al rialzo o al ribasso) che ne scaturisce, per cui analisi tecnica e analisi fondamentale possono benissimo essere “fuse” per studiare il mercato e ipotizzare la direzione da intraprendere per generare profitti.
L’operatività personale porterà comunque alcune persone a focalizzare la loro attenzione su certi aspetti piuttosto che altri, nonché ad escludere certi elementi per varie ragioni, ma questo è molto soggettivo e dipende soprattutto dalle capacità del singolo di interpretare determinati segnali.
Vi sono trader che basano la loro metodologia unicamente sui prezzi, senza assolutamente valutare la situazione di un paese o le notizie macroeconomiche, ed al contrario vi sono trader che speculano sulla notizia senza studiare i volumi, le resistenze o i supporti.
L’importante è sempre e solo una cosa: comprendere che il trading on-line è una “strada” da percorrere studiando e provando diversi strumenti e metodologie, scartando quello che non riteniamo opportuno e non ci da’ risultati soddisfacenti e sviluppando invece gli aspetti che meglio riusciamo a gestire.
Ad esempio, se una persona non sa minimamente valutare il quadro generale di una valuta dal punto di vista macroeconomico, intraprenderà un’altra strada e volgerà i suoi studi sull’analisi tecnica alla ricerca di occasioni d’acquisto e di vendita. E viceversa.
Le possibilità dunque, sono infinite: vi sono tante strade che portano al successo sui mercati finanziari, sta al singolo trovare la propria e impegnarsi a percorrerla.