Attacchi di Stampa contro la Banca Popolare di Bari

di gianni puglisi Commenta

La Banca Popolare di Bari ha denunciato attacchi di stampa «tanto falsi quanto diffamatori», nei quali i contenuti, come indicato nella nota diffusa oggi sul portale ufficiale «trascendono i limiti del legittimo esercizio del diritto di cronaca e della corretta informazione.».

È questa la reazione dell’Istituto bancario alla pubblicazione, in data odierna, di alcuni contenuti ritenuti diffamatori e lesivi nell’inserto economico de “La Repubblica”, Affari e Finanza. Come può un quotidiano a tiratura nazionale diffondere informazioni prive di fondamento? C’è forse qualche manovra dietro a queste azioni destabilizzanti?

L’articolo, secondo il comunicato, la «provocato un infondato allarmismo tra gli investitori, obbligazionisti e depositanti, mettendo, in modo ingannevole e senza fondamento, in discussione la solidità della Banca» Sono stati inseriti «indebiti riferimenti alla vicenda assolutamente diversa delle Banche venete, e accostamenti del tutto impropri e cinicamente offensivi della profonda devozione religiosa della Città per il culto del Santo Patrono.»

Nel frattempo, l’Istituto bancario è corso ai ripari, e si è visto costretto ad intraprendere un’azione legale contro i media che hanno diffuso tali notizie. Ha inoltre diffuso un comunicato stampa sul proprio portale, inviandolo ufficialmente anche alla CONSOB per eventuali adempimenti di propria competenza.

Link alla nota di stampa