Draghi, Bce “la flessibilità non è la panacea. Servono riforme”

di Paolo Valori Commenta

«Pensare alla flessibilità come all’unico modo che i paesi hanno per rilanciare la crescita è abbastanza limitativo». Draghi, ieri ha dato l’ulteriore avvertimento contro l’idea di allentare il Patto di Stabilità e Crescita. «Le regole attuali contengono già flessibilità sufficiente», ha ribadito Draghi in un’audizione davanti alla commissione economica dell’Europarlamento. «Dovremmo prestare molta attenzione a non tornare indietro rispetto al rafforzamento del quadro di regole del «Six pack» e del «Two pack» o a non annacquare la loro attuazione al punto che non siano più viste come un quadro credibile».

Tassa sulle transazioni finanziarie, cosa serve l’Affrancamento

Una moderata apertura della Bce all’idea italiana per favorire maggiore flessibilità in cambio di riforme in ogni caso c’è. Il problema, secondo Draghi, è «in quali circostanze può essere utilizzata». Draghi ritiene che la flessibilità deve essere condizionata a «un profondo processo di riforme strutturali in atto, in cui si possa quantificare l’impatto di bilancio che queste riforme avrebbero». Ma «l’idea di spendere per uscire dalla crisi non è praticabile», perché «uno dei motivi della crisi è stato proprio il debito», ha ammonito Draghi.

La soluzione di Draghi per tornare a crescere prevede due linee. Come a Londra la scorsa settimana, Draghi ha suggerito di «sottomettere le riforme strutturali a una disciplina comune, che non sia dissimile da ciò che abbiamo per le regole di bilancio». Quindi, dopo il «Fiscal Compact», l’idea è di un «Reform Compact»: un processo accentrato a Bruxelles, che obblighi gli Stati membri dell’euro ad adottare le riforme strutturali politicamente controverse. L’unione economica e monetaria «rimane ancora una struttura incompleta», ma ci sono «i presupposti per una qualche forma di governance comune sulle riforme strutturali», ha detto Draghi.