Euro/Dollaro in range

di Francesco Giocondo 2

Le previsioni che davano un close negativo per l’ottava corrente trovano riscontro fin dalle prime battute; i book di negoziazione sia delle Piazze Europee, sia di quelle Americane puntano verso il basso per quella che sembra una massiccia presa di profitto ma nelle ultime ore sono stati passati supporti importanti.

L’azionario Europeo si prepara a chiudere in negativo con il FTSE-Mib prossimo a 16350 punti e Wall Street che invece torna stabilmente sotto a 12800 punti in pochissimo tempo. Su Euro/Dollaro la situazione era già chiara durante la notte quando il mercato non ha trovato la forza necessaria a consolidare i livelli raggiunti ed ha iniziato il declino che ha portato alla perdita durante la mattinata della media mobile a 100 ore.

La discesa è poi continuata oltre andando a stabilizzare il valore del cross intorno alla seconda media mobile che seguiamo sul grafico orario ed ora le contrattazioni si svolgono all’interno del range compreso tra 1.3210 e 1.3165 che diventa per le prossime ore operativo. Questo vuol dire che nell’eventuale uscita direzionale in close a 15 minuti si presenterà l’occasione di vendere o comprare per un’operazione veloce da tenere fino a fine giornata. In ogni caso è sconsigliato l’overnight, come lo è sull’azionario.

L’ottava è tutto sommato positiva anche se di poco ma sopratutto i pattern in corso sembrano puntare verso l’alto; questo non esclude comunque altri ritracciamenti nel brevissimo periodo che andrebbero a stabilizzare il movimento di lungo periodo con una serie di swing disordinati.

Gli indicatori di forza giocano in questa fase un ruolo fondamentale e potranno essere l’elemento decisivo per le prese di posizione. Attualmente sul grafico orario il LaGuerre necessita di tornare oltre l’ipervenduto e questo fa’ si che un’eventuale uscita rialzista dal range di cui sopra sarà da considerare più profittevole rispetto all’eventualità di una rottura del supporto sopra indicato.

Commenti (2)

I commenti sono disabilitati.