Forex, la settimana delle principali valute

di Paolo Valori Commenta

La prossima settimana sarà decisiva per il rialzo dei tassi Usa?

Dopo la sessione moderatamente positiva del 9 settembre per il dollaro americano contro lo Yen, conclusasi con scambi in salita a 102,67, in avvio di settimana le dinamiche hanno subito dei piccoli cambiamenti.

forex

La tendenza di breve del Dollaro USA nei confronti dello Yen giapponese è apparsa subito in miglioramento, con area di resistenza attestatasi a quota 103,501 e supporto a 101,766. A livello tecnico ci si aspettava un allargamento della scia rialzista verso l’area di resistenza collocata in area 105,236.

Inizio di settimana sulla difensiva dunque per il dollaro, con il clima di avversione al rischio che ha avvantaggiato lo yen, malgrado il movimento sia rimasto complessivamente contenuto in quanto la valuta Usa riceveva supporto dalla possibilità di un rialzo del costo del denaro da parte della Federal Reserve già nella prossima settimana: rialzo che riprende quota agli occhi degli operatori.

Lo yen, che tende a sovraperformare nelle fasi di avversione al rischio, è dunque al centro di acquisti rifugio da parte degli investitori, con le piazze asiatiche chiudono in rosso la seduta, iniziata in territorio negativo anche per i listini europei.

La valuta giapponese sale dello 0,5% su dollaro, che scivola a quota 102,20 yen. Lo yen guadagna terreno anche sull’euro, che scivola a 115,08 da 115,28 yen della precedente chiusura, mentre il biglietto verde segna il passo sulla valuta unica, che sale a 1,1253 da 1,1229 dollari.

Nei giorni scorsi l’euro ha aperto in lieve calo a 1,1232 dollari mentre dalla Federal Reserve continuavano ad arrivare segnali contraddittori sull’orizzonte di politica comunitaria. La settimana prossima, oltre al direttivo della Fed, che si preannuncia combattuto, si riunirà anche la Banca del Giappone che, secondo indiscrezioni filtrate dal quotidiano Nikkei, porterà i tassi ulteriormente in territorio negativo e sospenderà gli investimenti in bond sovrani stranieri. Questi rumors hanno fatto arretrare lo yen a quota 103,02 sul dollaro e a 116,35 sull’euro.