Forex, l’agenda della settimana

di Paolo Valori Commenta

La dichiarazione della Reserve Bank australiana.

Sarà una settimana molto importante per il mercato del Forex, dal momento che in agenda occorre mettere alcuni eventi clou.

Questi eventi possono essere ben sfruttati adattando la propria strategia di trading. Il mercato è in attesa di alcune decisioni basilari circa i tassi di interesse da parte delle banche centrali che potrebbero azionare forti movimenti sul dollaro australiano, euro e sterlina. Una delle più attese è senza dubbio la dichiarazione ufficiale della Reserve Bank of Australia (Martedì, 06:30 ora italiana)

Le parole del governatore della RBA Glenn Stevens circa i tassi di interesse e la situazione dell’economia in Australia saranno seguite con attenzione durante la sessione di asiatica di martedì. Gli analisti del mercato Forex sembrano essere divisi sull’esito: alcuni si aspettano che la RBA – banca centrale d’Australia – tagli ancora i tassi di interesse, mentre altri prevedono che la situazione rimarrà invariata.

Occorre rammentare che la Reserve Bank of Australia ha ridotto i tassi di interesse dal 2,25% al 2,00% nel corso dell’ultima dichiarazione, segnando il secondo tentativo di allentamento della politica monetaria di quest’anno. La dichiarazione ufficiale della banca centrale e il verbale della riunione di RBA sono stati caratterizzati da una lunga lista di preoccupazioni, che includevano il rallentamento dell’economia in corso in Cina, l’indebolimento del mercato del lavoro, l’incertezza nel settore dell’edilizia e l’impatto negativo dell’apprezzamento del dollaro australiano sul commercio e l’inflazione.

Da allora, il dollaro australiano è crollato di qualche centinaia di pips contro la maggior parte delle altre valute importanti nel forex, il che suggerisce che la RBA possa non avere bisogno di annunciare un altro taglio dei tassi. Gli ultimi dati dell’economia australiana sono stati in gran parte più deboli del previsto, però, aumentando le probabilità di sentire dei commenti più prudenti e, eventualmente, un altro intervento di stimolo da parte del governatore Stevens nella dichiarazione di questa settimana.