Forex, le indicazioni provenienti dal mercato

di Paolo Valori Commenta

Occhi puntati sul Pil e sulla bilancia commerciale statunitense.

Per i Forex trader, sarà un’altra settimana ricca di indicatori da osservare con la massima attenzione come di consueto.

L’agenda è ricca, e i market mover da seguire non mancano. Per quanto concerne il dollaro USA riguarderanno i diversi aspetti dell’economia statunitense e inizieranno a piovere già da lunedì con i dati sulle vendite nel mercato edile. PIL annualizzato e bilancia commerciale dei benipotranno agitare notevolmente le acque nel forex nel pomeriggio di martedì, mentre già mercoledì sarà pubblicato l’indice dei responsabili degli acquisti (PMI)del settore dei servizi. Il mese di novembre ci ha abituato a notizie molto positive per gli Stati Uniti e la prossima settimana potrebbe essere importante per confermare o meno la discesa dell’euro e delle valute oceaniche in particolare.

Martedì 24 novembre: market mover 
01:05, AUD: conferenza stampa del governatore della RBA Glenn Stevens
08:00, EUR: prodotto interno lordo (PIL) della Germania
10:00, GBP: rapporto sull’inflazione
14:30, USD: bilancia commerciale dei beni
14:30, USD: spese per i consumi
14:30, USD: prodotto interno lordo (PIL) annualizzato
16:00, USD: indice della fiducia dei consumatori

Mercoledì 25 novembre: market mover 
11:00, EUR: asta dei buoni di Stato tedeschi decennali
14:30, USD: ordini dei beni durevoli
14:30, USD: richieste iniziali di disoccupazione
15:45, USD: indici PMI dei servizi e composito
16:00, USD: vendite delle nuove abitazioni
16:00, USD: indice Reuters/Michigan della fiducia dei consumatori
16:30, USD: variazione delle scorte di petrolio negli Stati Uniti, indice EIA
23:45, NZD: importazioni, esportazioni e bilancia commerciale

Giovedì 26 novembre: market mover 
09:15, CHF: produzione industriale
10:30, GBP: rapporto sulla stabilità finanziaria nel Regno Unito

Venerdì 27 novembre: market mover 
00:30, JPY: indice dei prezzi al consumo (CPI)
00:30, JPY: tasso di disoccupazione
00:50, JPY: investimenti stranieri in azioni e buoni di Stato giapponesi
10:30, GBP: prodotto interno lordo (PIL) del Regno Unito
12:00, EUR: rapporto sulla stabilità finanziaria nell’Eurozona