Forex, pullback dollaro finirà presto?

di Valentina Cervelli Commenta

Il pullback del dollaro finirà presto? E’ questo quel che sostengono diversi analisti del settore, specificando come questo sopperire del dollaro all’euro ed allo yen sarà di breve durata. E per delle motivazioni molto precise in grado di superare quelle che rafforzano la valuta europea.

Non è un mistero che i risultati delle elezioni in Olanda ed il rialzo dei tassi di interesse americani abbia fatto tirare un sospiro di sollievo all’Europa intera ed agli investitori: questo non significa però che il dollaro rimarrà nella sua fase di incertezza, almeno stando ad un’importante fetta di esperti ed in particolare quelli che fanno riferimento a Credit Agricole. Secondo loro infatti sono almeno tre le ragioni per le quali la debolezza della valuta dipendente dalle decisioni della FED non durerà.

  • Il mercato FX sta sta portando i tassi di scambi sull’USD a livelli al di sotto di quelli giustificato dai differenziali dei tassi.

  • I mercati stano ancora sottovalutando i punti sul grafico dot plot per il 32018 e 2019.

  • Il dollaro al momento è ancora la terza valuta con il rendimento più alto nel gruppo delle G10, il che implica il fatto che lo short sul dollaro è costoso ai livelli attuali.

Non si può poi non tenere conto che la FED ha dimostrato di conservare ancora un certo ottimismo su quello che è lo stato di salute dell’economia, dato che nonostante il rialzo dei tassi non ha sentito la necessità di aumentare in modo significativo le proiezioni su crescita e inflazione statunitensi, altro fattore di cui tenere da conto in tal senso.