Forex, su quali valute investire nel 2015?

di Paolo Valori Commenta

Euro debole, con QE quasi scontato. Yen e dollaro sugli scudi.

Il 2014 sta per arrivare a conclusione e sul mercato delle valute il re indiscusso è ancora il dollaro americano, il quale sta facendosi terra bruciata superando di gran lunga le aspettative e distanziando le altre major currencies.

Il biglietto verde ha registrato ingenti guadagni anche nei confronti delle valute dei mercati emergenti, messe ko da grosse difficoltà di natura economica, geopolitica o semplicemente dalla fine del tapering da parte della Federal Reserve. La banca di Washington ora potrebbe effettuare il primo ritocco verso l’alto ai tassi di interesse negli USA, ormai stabilit tra 0% e 0,25% da otto anni a questa parte.

Ma quali sono le principali valute sulle quali sarebbe opportuno investire durante il 2015?

La maggior parte degli specialisti del mercato delle currencies è pronto a scommettere sul proseguimento del bullish trend da parte del biglietto verde statunitense, in particolare contro euro, yen, sterlina e franco svizzero. Il greenback dovrebbe godere sia della politica monetaria della Federal Reserve (sempre meno accomodante, e pronta a trasformarsi definitivamente in restrittiva), sia del buon tasso di crescita dell’economia che è tornata a fare da locomotiva mondiale. Gli analisti si aspettano che il cambio euro/dollaro possa muoversi anche sotto i minimi di 1,2040, sfiorati a fine luglio 2012. I target sono mediamente compresi tra 1,20 e 1,10.

L’euro dovrebbe restare sostanzialmente debole, con rischi al ribasso anche contro quelle valute che aveva messo in difficoltà negli ultimi tempi (yen, commodity currencies e valute esotiche). Il piano di quantitative easing appare praticamente inevitabile e la Bce continuerà nel portare avanti una politica monetaria più che espansiva almeno per altri ventiquattro mesi. La sorpresa del 2015 sul forex potrebbe provenire dal Sol Levante. Potrebbe essere infatti lo yen, sul quale gli investitori restano posizionati massicciamente al ribasso.