Sterlina verso 1,55 dollari dopo pil UK superiore alle attese

di ND82 Commenta

sterlinaIl dato sul prodotto interno lordo del Regno Unito (UK, United Kingdom) relativo al primo trimestre del 2013 ha evidenziato una bella sorpresa per l’economia di Sua Maestà, che inizia a intravedere l’uscita dalla recessione. Infatti, il pil britannico è cresciuto dello 0,3% su base trimestrale, dopo che nell’ultimo trimestre dello scorso anno si era contratto dello 0,3%. Gli analisti finanziari si aspettavano comunque un miglioramento, ma più contenuto a +0,1% su base trimestrale. Il pil britannico è cresciuto dello 0,6% su base annuale.

Sul forex la reazione della sterlina è stata veemente. Il pound ha registrato un movimento rialzista esplosivo contro la maggior parte delle valute più importanti, a partire dal dollaro americano sul quale ha messo a segno una performance giornaliera superiore all’1%. Solo una settimana fa il Regno Unito perde rating Tripla A di Fitch e la sterlina sembrava destinata a deprezzarsi con decisione, con obiettivo di breve termine posto a 1,50 dollari.

Ieri, invece, il tasso di cambio sterlina/dollaro saliva vistosamente dopo la pubblicazione del market mover del pil UK. Il “cable” passava da 1,5280 a 1,54 in pochi minuti, ma nel corso della seduta riusciva a salire ancora toccando un massimo di giornata a 1,5479. In questo modo veniva registrato anche il massimo più alto degli ultimi due mesi. Da un punto di vista tecnico, in caso di breakout deciso di 1,5480 – 1,55, il cable dovrebbe accelerare ancora fino a 1,5570 – 1,56 entro l’inizio della prossima settimana. Il ritorno della negatività si avrebbe solo con una chiusura daily sotto 1,52.

La sterlina ha messo a segno interessanti performance anche su altre valute. Il tasso di cambio euro/sterlina è sceso a 0,8409 da 0,8530. Il cambio ha toccato il minimo più basso degli ultimi tre mesi ed è stato favorito nella discesa anche dalla debolezza della moneta unica registrata nel corso della giornata di ieri. Il cambio sterlina/yen, invece, è salito sui massimi delle ultime due settimane a 153,76.