Veneto Banca, Governo blocca rimborso bond

di Valentina Cervelli Commenta

Novità nella situazione di Veneto Banca in attesa di comprendere come si risolverà il tutto senza cadere nel bail in: il Governo dà infatti il via libera ad una proroga semestrale per quegli istituti di credito che hanno richiesto aiuto statale per affrontare la crisi nella quale si trovano.

Perché è tanto importante questo fatto? Perché con l’intervento dello Stato è stato possibile fermare l’obbligo di Veneto Banca di liquidare i bond da 150 milioni in scadenza mercoledì 21 giugno. L’istituto, se non vi fosse stato un intervento governativo in tal senso, avrebbe infatti avuto l’obbligo di pagare nei tempi e nei modi stabiliti dal regolamento dei prestiti. Qualcosa che con l’incertezza del momento e la macchina del salvataggio in gioco non si sarebbe potuto permettere. Come spiega il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri conclusosi ieri sera:

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga il termine di scadenza delle obbligazioni subordinate emesse da una banca che abbia chiesto di accedere a una ricapitalizzazione precauzionale. La proroga si applica esclusivamente ai titoli in scadenza nei sei mesi successivi alla richiesta di intervento dello Stato e fino al termine dello stesso periodo di sei mesi e si rende necessaria per assicurare la parità di trattamento tra creditori subordinati per la condivisione degli oneri nel caso di intervento pubblico secondo quanto previsto dal decreto legge 237/2016.

Il decreto salva risparmio ha quindi messo una piccola “toppa” sulla “coperta” di Veneto Banca per evitare che si strappasse. Non tutti saranno contenti della decisione.