G20, Sarkò: “Agire è una necessità”, gli fa eco il Fmi. Oggi riunione Consiglio Bce

di Alberto Brambilla Commenta

londraAl via il vertice dei “venti grandi” a Londra. La Russia chiede ai membri del G20 un cambiamento dell’architettura finanziaria internazionale, questo è quanto ha dichiarato Medvedev, all’agenzia stampa Interfax, in seguito al colloquio con il cancelliere tedesco Angela Merkel. Secondo il presidente russo “una discussione complessiva a livello di esperti dovrebbe essere lanciata sulla base dei suoi risultati con lo scopo di concludere nuovi accordi di Bretton Woods, che dovrebbero determinare la vita del sistema finanziario per decenni”. Per Sarkozy un cambiamento contro la crisi non è una scelta ma una necessità e l’incontro odierno, ha aggiunto il presidente francese, “deve consentirci di andare oltre e dare concretamente applicazione ai principi stabiliti a Washington”, nel G20 di novembre. Anche il direttore del Fmi, Dominic Strauss-Kahn si riallaccia al tema della necessità di cambiamento e dichiara al Financial Times: “non ci si riprende mai prima che il sistema bancario venga ripulito a fondo. Gli Stati Uniti stanno giustamente insistendo sugli stimoli e l’Ue sta giustamente insistendo sulla regolazione. Non si stanno muovendo abbastanza rapidamente per ripulire il sistema finanziario”. Secondo i critici – o i realisti – non si muoveranno nemmeno oggi per costruire l’impalcatura di un nuovo modello, cosa oggettivamente impossibile in 20 ore ma non per questo meno importante. Oggi notizie anche da Francoforte, il discorso del presidente della Bce, Jean Claude Trichet, sul futuro dell’Europa è atteso nel primo pomeriggio, subito dopo la riunione del Consiglio (13:45).