L’euro continua a scendere sul dollaro

di Daniele Pace Commenta

euro-dollaroL’euro continua a perdere terreno sul dollaro, e ormai i massimi storici rilevati qualche mese fa sono solo un lontano ricordo. Bene per le esportazioni europee, e tedesche in particolare, e male per il dollaro, che Trump vorrebbe debole proprio per aiutare l’economia americana. Ma i mercati hanno premiato il biglietto verde dopo l’accordo firmato da Usa e Messico sull’immigrazione. Anche le voci che provengono dall’Eurotower giocano un ruolo fondamentale. L’economia europea infatti stenta, e la Bce potrebbe rendere il denaro ancora meno costoso con un ulteriore taglio dei tassi sull’euro, che spingerebbe un pochino l’inflazione, almeno nelle intenzionni della banca centrale.

Il forex

La scorsa settimana sembrava che la moneta unica dovesse recuperare sul dollaro, ma ora le nuove voci la spingono giù. Draghi infatti, aveva confermato i tassi attuali, ma i dati macroeconomici potrebbero portare ad un ripensamento. Il Pil europeo infatti è cresciuto solo dello 0,4% nel primo trimestre di quest’anno, e da Societé Generale stanno facendo delle valutazioni influenti:

“I responsabili della politica monetaria stanno cercando di capire se c’è nulla che possano fare per un ulteriore allentamento e se sarebbe d’aiuto”.

Alle 18, la coppia EUR/USD scende dello 0,17% e si quota a 1,1312 dollari, ai massimi da due mesi. Intanto, l’indice del dollaro si posiziona a 96,759, salendo dello 0,23%.