Home Mercati Emergenti La rupia indiana riprende fiato rispetto al dollaro

La rupia indiana riprende fiato rispetto al dollaro

0

Il recupero delle perdite precedenti ha consentito oggi alla rupia indiana di giungere fino a quota 54,68 nei confronti del dollaro: qualche giorno fa si è sottolineato come vi sarà nel 2013 il riscatto della valuta, per il momento sono state le speranze degli investitori a farla da padrona, visto che c’è ottimismo per quel che concerne l’approvazione da parte del Parlamento degli investimenti diretti esteri, senza dimenticare la rinnovata volontà di vendere moneta verde. Secondo gli analisti valutari locali, inoltre, un buon contributo è stato fornito anche dalla debolezza del dollaro oltreoceano e dalle società locali.

Il valore in questione è stato registrato presso l’Interbank Foreign Exchange, in contemporanea alla domanda di dollari dagli importatori e all’iniziale esitazione relativa ai titoli azionari del paese asiatico. Le successive cessioni delle banconote a stelle e strisce ha poi aiutato la rupia. Ma quanto durerà esattamente tale sentimento rinfrancato? Un utile riferimento è rappresentato senza dubbio dall’indice Sensex del Bombay Stock Exchange (Bse, la borsa locale), il quale ha chiuso in rialzo di quasi quarantatré punti, con una quota complessiva di 19.348,12 punti. Gli investitori istituzionali di nazionalità estera hanno immesso nel sistema finanziario in questione qualcosa come 22,23 miliardi di dollari, anche se il mese di dicembre è appena cominciato.

C’è da dire che la rupia non è in grado di sostenere ricavi del genere, nonostante tutti i fattori, sia quelli interni che quelli internazionali, siano un supporto adeguato. Il voto sugli investimenti diretti esteri è previsto per la giornata di domani. L’agenzia di rating Moody’s ha mantenuto il suo outlook negativo nei confronti del settore bancario indiano: un declassamento nel breve termine non è escluso, anche se si sta parlando di uno dei principali mercati emergenti al mondo. La Reserve Bank of India, la banca centrale del paese, ha fisso il tasso di riferimento rispetto al dollaro a 54,9473, mentre quello rispetto all’euro a quota 71,7100.