Per i mercati azionari, la chiave di volta sarà l’economia americana

di Paolo Valori Commenta

US Federal Reserve Chairman Ben Bernanke speaks during a financial and economic event discussing the financial crisis at the London School of Economics (LSE) in London on March 25, 2013.  At the discussion which was attended by speakers including Bank of England governor Mervyn King, US Federal Reserve Chairman Ben Bernanke, UBS chairman Axel Weber and former US Treasury Secretary Lawrence Summers Bernanke rejected worries that the world's leading economies were competitively cutting their currency values.  AFP PHOTO / POOL / JASON ALDEN        (Photo credit should read JASON ALDEN/AFP/Getty Images)Il dato sull’inflazione nella zona Euro nel mese di ottobre ha segnato un ribasso che continua il trend dei mesi precedenti. la banca centrale europea, il cui presidente è l’italiano Mario Draghi, ha preso la decisione drastica di tagliare il costo del denaro ai minimi storici prendendo di sorpresa la maggior parte degli analisti e degli investitori di tutto il mondo finanziario. 

> Bce, aiuti solo se arrivano direttamente all’economia reale

Infatti il consiglio direttivo dell’istituto di Francoforte nella riunione di novembre ha spiegato che il rischio di una inflazione troppo bassa rispetto al target previsto dai trattati europei rischia di sfociare in una deflazione che sarebbe molto dannosa per l’intera Comunità Europea. Da parte della Fed, l’ indecisione sul contesto congiunturale di breve periodo ha indotto gli investitori a prorogare l’inizio del cosiddetto tapering, ma il progresso dei dati sul mercato del lavoro relativi al mese di ottobre, diffusi a inizio novembre, ha riaperto l’ eventualità di una diminuzione della politica economica in tempi più rapidi.

Exchange traded Fund, come usarli per investire nel forex

Per il prossimo 2014 sarà di fondamentale importanza la ripresa macroeconomica negli Stati Uniti. Da essa deriveranno la crescita degli utili aziendali, il rinforzo di una ripresa modesta e fragile nell’area euro, la ripresa dei Paesi Emergenti. In base a quanto consigliano gli economisti, un investitore dinamico volto al medio-lungo termine dovrebbe tenere in conto il mercato azionario. Il premio per il rischio offerto dall’equity, il sovra rendimento dato a differenza delle obbligazioni prive di rischio, rimane elevato in termini storici e potrebbe variare in importanti rendimenti reali, soprattutto sugli utili.