Home Mercati Emergenti L’Aeroporto di Pechino accoglie quattro nuove valute

L’Aeroporto di Pechino accoglie quattro nuove valute

0

L’Aeroporto Internazionale di Pechino potrà fare affidamento d’ora in poi su servizi di cambio ancora più potenziati. In effetti, lo scalo cinese avrà la possibilità di beneficiare di quattro valute nuove di zecca, vale a dire il rand sudafricano, la sterlina egiziana (vedi anche L’Egitto affronta la crisi con una moneta svalutata), la lira turca e il rial del Qatar. Per quale motivo si è deciso di rendere disponibili anche queste divise?

La società Travelex Currency Exchange Company, la quale si occupa proprio della gestione e del funzionamento di tali uffici, ha ricevuto l’approvazione ufficiale da parte dell’amministrazione statale, più precisamente dalla divisione relativa al Foreign Exchange (Forex), al fine di offrire i nuovi servizi a tutti i passeggeri. Il totale di valute straniere raggiunto dall’aeroporto pechinese ammonta ora a ventinove unità, un vero e proprio record per quel che riguarda l’ex Impero Celeste. I centri di cambio presenti nei tre terminal in questione sono ventisette, i quali sono stati predisposti dalla stessa Travelex, da Ice, Central Kyushu, da Hang Seng Joint Currency Exchange e dagli istituti di credito più importanti del paese.

Tra l’altro, questa novità coincide quasi singolarmente con il progetto del nuovo scalo aeroportuale che la capitale cinese provvederà a costruire nel corso del 2014, anche se l’approvazione vera e propria risale alla fine dello scorso anno. Tornando a parlare di monete, si è dunque deciso di venire incontro alle esigenze dei passeggeri sudafricani, turchi, egiziani e qatarioti che hanno e avranno bisogno di convertire le loro valute una volta giunti a Pechino. D’altronde, è proprio qui che si trova lo scalo più affollato dell’intero continente asiatico, visto che nel solo 2012 sono stati registrati ben ottantadue milioni di transiti, circa quattordici in più rispetto a quelli del secondo aeroporto, l’Haneda di Tokyo, senza dimenticare la crescita rispetto a un anno prima, addirittura doppia in termini reali.