Dollaro in calo dopo l’incontro Cina-Usa a Buenos Aires

di Daniele Pace Commenta

La tregua commerciale tra Cina e USA fa scendere il dollaro, per la felicità del presidente Trump, che giudicava la moneta americana troppo forte per le esportazioni.

Il presidente americano e il premier cinese Xi Jiping si sono incontrati al G20 di Buenos Aires, concordando una tregua sui dazi imposti reciprocamente. Pechino abbasserà quelli sulle auto made in USA, mentre l’America rinuncerà ad aumentare i suoi a gennaio, sulle importazioni cinesi.

Il dollaro

Il dollaro così scende sulle altre valute, con l’indice che perde lo 0,2% e va a 97,082, dopo aver toccato anche i 96,713 punti. La divisa statunitense stava diventando un bene rifugio molto caro, troppo secondo l’amministrazione americana, che vorrebbe una moneta più adatta alle esportazioni.

Il dollaro scende sull’euro, con la coppia EUR/USD che passa da 1,1315 a 1,1335 dollari oggi. La settimana scorsa era scesa fino a quasi il minimo storico di 1,1216 dollari.

La valuta unica si apprezza anche sullo yen, con la coppia EUR/JPY a 128,68 dai 128,45 yen della chiusura di venerdì.

La coppia USD/JPY scende invece a 113,38 da 113,46 yen. Il dollaro sale anche sulla moneta cinese, dell’1%, e ora vale 6,8831 yuan da 6,9490 di venerdì. Un effetto provvisorio, secondo gli analisti. I cambi fra dollaro e rand sudafricano, peso messicano e rublo russo rimangono stabili.