Home Economia India, inflazione favorisce taglio dei tassi

India, inflazione favorisce taglio dei tassi

0

Con un’inflazione così in calo, niente sembra poter evitare un taglio dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale, al fine di supportare un’economia – quella indiana – che sta attraversando una recente fase di debolezza.

L’inflazione indiana è infatti scesa ai minimi da tredici mesi a questa parte: durante la prima settimana di febbraio, nel subcontinente la variazione dei prezzi all’ingrosso è stata del 3,92% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, quasi mezzo punto percentuale in meno rispetto a quel 4,39% della settimana prima.

Tutto sembra quindi favorire nuovi interventi da parte dell’istituzione monetaria del subcontinente, che dovrebbe intervenire nei prossimi mesi (una, due volte?) riducendo il costo del denaro.

A supportare questa convinzione sono giunte, nelle scorse ore, le dichiarazioni del governatore della Reserve Bank of India, Duvvuri Subbarao, che ha annunciato come sarà doveroso ridurre i costi del denaro preso a prestito in virtù di una recessione che sta avendo in India degli impatti ben più negativi di quanto ci si potesse attendere.

Nel mese di agosto 2008, ricordiamo, l’inflazione indiana toccò il 12,91%, record dall’inizio degli anni ’90.