La sterlina respira grazie alle voci positive di un accordo con la UE

di Daniele Pace Commenta

sterlinaLa sterlina torna a salire, dopo essere stata ai minimi sul dollaro per lungo tempo. A far respirare la moneta britannica, alcune voci su un possibile accordo con la UE almeno sui prodotti finanziari. Non è un rialzo deciso, dovuto soprattutto alle difficoltà del settore in Gran Bretagna.

L’andamento

Le voci di un possibile accorso sono comunque ottime anche per l’economia britannica, che sta risentendo della Brexit più del previsto.

La Markit ha sviluppato una ricerca, con l’analisi dell’indice dei direttori acquisti per i servizi. Anche in questo caso si tratta di un indice che scende, a 52,5 nel mese appena passato. L’economia britannica sta infatti rallentando a causa dell’uscita dalle UE che sta, da una parte, allontanando gli investitori, dall’altra, preoccupando le imprese, per l’aumento del costo del lavoro. Discorso a parte per il settore immobiliare, gonfiato dalla speculazione negli ultimi anni, che potrebbe fare a meno dei tanti immigrati arrivati durante la crisi.

La coppia

Secondo il Financial Times, ci sarà un accordo doganale nei nuovi rapporti tra il Regno Unito e la UE. L’accordo potrebbe essere firmato per la fine dell’anno.

Così, questa mattina, la coppia GBP/USD sale dello 0,35% a 1,3062 dollari. Si tratta del massimo da due settimane a questa parte. stamane, il massimo dal 22 ottobre. Alle 5:48 ET (10:48 GMT), il La sterlina si avvantaggia del possibile accordo sui servizi finanziari, in quanto questi sono ormai il business principale della nazione, nonché una fonte di entrata per il fisco inglese di prima linea, così anche se considerata come nel bilancio delle esportazioni.

Il Primo Ministro britannico Theresa May dovrebbe incontrare di nuovo la UE per questo venerdì, e molti analisti pensano ad una presentazione dell’accordo al al Parlamento britannico già dal mese prossimo.