Il mercato Forex e la guerra dei dazi. Dollaro e yuan giù

di Daniele Pace Commenta

yuanTrump, a sorpresa, riprende la guerra dei dazi, e i mercati subito vanno in sofferenza e il Forex risponde punendo dollaro e yuan. La moneta cinese in particolare va in sofferenza con il calo più marcato da un anno a questa parte. Sale lo yen, da sempre considerato bene rifugio.

Trump vuole alzare i dazi fino al 25% per le merci cinesi, fino a valori di 200 miliardi di dollari, con la minaccia anche di aumentare le merci tassate per altri 325 miliardi.

La reazione del mercato

Il dollaro va in sofferenza sul paniere, ma non con tutte le altre valute. L’euro è ora stabile, dopo un leggero recupero sul biglietto verde.

Alle 13:30 la coppia EUR/USD scende dello 0,03% posizionandosi ad una quotazioni di 1,1197 dollari. Comunque il mercato vive una certa stabilità anche per la chiusura delle borse di Londra e Tokyo, che riducono gli scambi.

Trump attacca la Cina per i negoziati, a suo avviso lenti a causa dei tentativi di Pechino di continue rinegoziazioni. Così decide di mettere pressione ai leader asiatici.

Intanto la coppia USD/JPY scende dello 0,26% a 110,81 yen. La coppia GBP/USD scende dello 0,49% a 1,3107 pounds.

La banca centrale cinese reagisce abbassando le soglie di riserva e immettendo liquidità per 280 miliardi di yuan.