Home Indicatori Economici Fabbisogno Stato ottobre 2012

Fabbisogno Stato ottobre 2012

0

Stando a quanto affermato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, nel corso dei primi dieci mesi dell’anno il fabbisogno del settore statale si è attestato a 58,5 miliardi a fronte di un fabbisogno di 60,9 miliardi registrato nello stesso periodo del 2011. Il Mef accompagna tali dati quantitativi con una nota nella quale – tra le altre dichiarazioni – afferma come “l’andamento del fabbisogno a tutto ottobre e’ coerente con il trend ipotizzato per il raggiungimento dell’obiettivo annuo”. Nel solo decimo mese dell’anno le stime preliminari indicano un fabbisogno di circa 13,1 miliardi, in aumento rispetto allo stesso mese del 2011 in cui il disavanzo era stato pari a 1,9 miliardi.

È ancora il Mef a spiegare che il risultato del mese di ottobre deriva dal “buon andamento delle entrate tributarie, in linea con quanto realizzato negli ultimi mesi”, mentre sul fronte della spesa pubblica “’si evidenziano minori pagamenti di interessi sul debito pubblico, maggiori rimborsi fiscali per una diversa calendarizzazione dei pagamenti ed una maggiore spesa complessiva da parte delle amministrazioni centrali e degli enti territoriali”.

Sempre nel corso del mese di ottobre – sottolinea la nota del Ministero dell’Economia e delle Finanze – è stata contabilizzata la concessione e l’erogazione di 5,7 miliardi di euro in favore dell’European Stability Mechanism (ESM) per la stabilita’ finanziaria della zona euro e, contemporaneamente – prosegue il Ministero – “il venir meno dell’introito di circa 2,8 miliardi, derivante dall’assegnazione di diritti d’uso di frequenze radioelettriche destinate alla banda larga”. Ipotizzando la sterilizzazione di tali partite peggiorative, il disavanzo del mese sarebbe stato di circa 4,6 miliardi, rileva il Mef.

Nel corso dei prossimi mesi continueremo a monitorare tale importante dato macroeconomico, che il governo sta cercando di ricondurre in territorio positivo, con una contrazione graduale del disavanzo pubblico.

Tra i tanti approfondimenti macroeconomici che abbiamo avuto modo di curare nel corso delle ultime settimane, qui c’è il focus sull’andamento della bilancia commerciale.