Euro in calo: effetto Austria e Catalogna

di Daniele Pace Commenta

euroLa settimana scorsa la moneta unica aveva toccato i massimi da settembre, ma ora è in calo, a causa degli effetti negativi della situazione catalana e delle elezioni austriache. In Spagna c’è ancora molta incertezza dopo il rinvio di due mesi alla dichiarazione indipendentista, per avviare delle trattative. In Austria invece, preoccupa la grande avanzata dell’estrema destra, da sempre antieuropeista. Ci sarà poi anche la riunione della BCE, questo giovedì. Sul medio periodo comunque, gli analisti si aspettano un rialzo per la moneta unica, che attualmente scende sotto quota 1,18 sul dollaro. Ma il consolidamento dovrebbe essere alle porte, mentre la politica monetaria della Bce sarà definita il 25 e 26 ottobre. Qui i mercati sapranno se ci sarà il taglio dei QE, ma intanto la coppia EUR/USD perde lo 0,23% e si ferma a 1,1794. Si tratta di un minimo dovuto alle problematiche di governo aperte dalle elezioni austriache, che vanno ad allinearsi con quelle tedesche. Dai paesi teutonici dunque, arrivano le incertezze politiche che pesano sull’euro, che dovrebbe poi riprendersi. Molto dipenderà dalla situazione in Catalogna, dove Carles Puigdemont non ha ancora risposto alla domanda fondamentale, preferendo una linea più prudente ed attendista.

Anche la coppia USD/JPY scende verso i minimi, e si attesta a 111,66, con il dollaro che risente dei dati sull’inflazione USA, sempre bassi rispetto alle aspettative del mercato.