Home Bce Standard & Poor’s abbassa outlook Grecia

Standard & Poor’s abbassa outlook Grecia

0

Tornano le agenzie di rating a fare il punto della situazione nell’area Euro e per l’ennesima volta si registra un peggioramento delle aspettative. Per quanto il potere delle agenzie si sia ormai ridotto, queste mantengono comunque una certa influenza in Eurozona e l’intervento di oggi per quanto è marginale è riuscito a risollevare la questione Grecia all’attenzione degli investitori.

Standard & Poor’s ha rivisto al ribasso l’outlook della Grecia facendolo passare da “stabile” a “negativo”. Le previsioni dell’agenzia vedono un debito pubblico al 170% ne l 2013 ed un PIL in calo dell’11-12% nel biennio 2012-2013. La previsione dell’UE-FMI si fermava ad un ottimistico calo del 4-5% del PIL, ora raddoppiato secondo le aspettative di S&P. La lentezza nell’esecutivo, a cui era stata chiesta una nuova stretta nelle misure anti-crisi per giustificare i nuovi aiuti internazionali, pesa più di qualsiasi altro elemento sulla ripresa del Paese che ancora si trova in una situazione di “default controllato”.

Le misure prese da Draghi sarebbero un “grosso passo avanti” secondo il capoeconomista dell’Ocse Piercarlo Padoan, ma in realtà non convincono gli investitori che continuano a vedere una sorta di pericolo intorno alla Spagna.

L’Italia invece sarebbe salva secondo il presidente dell’Abi Giuseppe Mussari; i “compiti a casa” sarebbero stati fatti dal Governo Monti e per questo anche se lo spread è ancora a livelli insostenibili la ripresa è possibile ed il rischio default sventato completamente.

Per quanto infine si da’ ancora peso all’opinione delle agenzie di rating, bisogna ricordare che queste non hanno minimamente previsto la crisi dei sub-prime e tutta questa prevenzione nei confronti dell’Euro getta infondo solo fango su una moneta che ancora si sta dimostrando forte sotto tutti i punti di vista, fino a prova contraria.