Home Trading Online Deutsche Boerse si affida ai futures valutari

Deutsche Boerse si affida ai futures valutari

0

Quali sono i vantaggi e i pregi degli Etf valutari? Per il momento, il gruppo Deutsche Boerse ha deciso di affidarsi ai contratti futures collegati alle divise internazionali, nel tentativo di intensificare la propria competitività nei confronti dei mercati rivali: questa decisione è stata discussa con i clienti, mentre il Cme Group (Chicago Mercantile Exchange) sta pianificando da tempo l’espansione delle proprie offerte di derivati per quel che concerne il fronte monetario, anche se un’apposita piattaforma verrà fatta funzionare solamente nel corso del prossimo anno.

Un esperimento, a dire la verità fallimentare, è stato quello di Eurex nel 2005, ma non è detto che si possano provare nuovamente tali esperienze. Tornando a parlare del gruppo tedesco, i maggiori prodotti che sono messi a disposizione da quest’ultimo si riferiscono soprattutto a tassi di interesse europei e indici azionari. I futures valutari, invece, sono piuttosto attraenti a causa della crescita continua del business, nonostante il volume in questione non possa certo essere paragonato a quello di altri contratti futures, in primis quelli agricoli (semi di soia e cereali su tutti). Per il momento Deutsche Boerse ha preferito non commentare alcun tipo di indiscrezione sulla sua attività relativa alle divise, ma un portavoce ha fatto sapere che un obiettivo strategico che dovrà essere raggiunto nel corso del 2013 sarà quello della massima copertura possibile delle classi di assets.

L’intenzione è di rivolgersi, in particolare, agli investitori retail, dunque famiglie e singole persone, ma occorrerà valutare tutti i rischi che potranno correre i relativi portafogli. Il settore di cambi è protagonista attualmente di un rallentamento per quel che concerne il volume del trading, dato che si sta parlando di un segmento che è storicamente legato ai bassi tassi di interesse e alle situazioni economiche globali, ora si dovranno attendere i prossimi mesi per capire se l’interesse della società teutonica potrà anche trasformarsi in qualcosa di più concreto.