Cambio euro dollaro: tornerà a salire?

di Valentina Cervelli Commenta

Tornerà a salire il cambio euro dollaro? E’ una domanda che continuano a porsi tanti analisti, soprattutto dopo le ultime uscite delle rispettive banche centrali: il tutto si gioca quasi in modo completo sull’andamento dei tassi di interesse.

euro-dollaro

Senza dubbio quasi tutti gli interlocutori ci vanno cauti con le proprie stime, puntando a rivedere al ribasso quelli che erano i livelli preventivati in specifici lassi di tempo: il cross infatti sembra non riuscire a salire come ci si sarebbe aspettato dopo gli ultimi “interventi” macroeconomici. Il punto da non sottovalutare è che per quanto si fossero fatte stime di crescita economica di un certo tipo per il 2018 ed il 2019, le stesse sono poi state riviste al ribasso a causa di un rallentamento globale, dovuto tra le altre cose anche alla guerra dei Dazi in atto tra Stati Uniti e Cina.

Situazioni come quella italiana ed in parte francese e tedesca (con quest’ultime due che comunque rimangono nella media di crescita di Pil rispetto al’Italia fanalino di coda, N.d.R.) hanno senza dubbio influenzato la decisione della BCE di continuare ad essere particolarmente accomodante e questo si è tradotto in uno stop alla crescita del tasso di interesse almeno fino a metà 2019. Ecco perché le stime degli analisti sono state ritoccate verso il ribasso, sebbene di poco: si parla ora di 1,24 (rispetto al precedente 1,27) che al momento sembra comunque ancora troppo lontano davanti all’attuale 1,13.

Senza dubbio lo scuotersi della situazione porterà a cambiamenti, ma è pur vero che queste “modifiche” devono prima di tutto essere viste occorrere.